gdpr

Le ispezioni del Garante Privacy, che sono state condotte nell’arco del primo trimestre 2019, hanno portato ad un numero abbastanza alto di contravventori. Sono ben 779 le imprese verso le quali è iniziato il procedimento esecutivo e presto se ne aggiungeranno altre 500.

Come mai si è registrato un così alto numero di violazioni?

L’art. 83 del Regolamento UE 2016/679, meglio conosciuto come GDPR, è stato perentorio nello stabilire che le multe interessano dalle piccole alle grandi imprese, senza distinzioni. A recepire in Italia questa disposizione è stato il D.Lgs. n. 101/2018, il quale ha previsto sia sanzioni amministrative che penali.

L’avvio della procedura esecutiva, continua il Garante Privacy, ha fatto seguito ad una adesione minima alla sanatoria prevista dal decreto di adeguamento. Sarebbero stati più di 1.300 i contravventori, ma solamente 88 si sono avvalsi della facoltà contenuta nella normativa.

Il Garante Privacy ha effettuato ben 65 ispezioni che hanno visto entrare nelle casse 1.222.955 euro, risultato delle sanzioni che sono state emesse. Pensa che il totale delle ordinanze con cui sono state notificate le violazioni è arrivato a 86, considerando anche casi più complessi nei quali le violazioni sono state molteplici, ed ha portato un’entrata di 3.250.390 euro.

Chi viene colpito dalle ispezioni del Garante Privacy?

Sono già in corso le ispezioni del Garante Privacy per il secondo semestre 2019. Ma chi colpiranno?

Il trattamento dei dati da parte di istituti bancari, quello svolto da società che operano nel food delivery e quello operato da aziende che lavorano nel settore marketing.

I controlli del Garante Privacymirano anche a verificare che siano state rispettate le norme che stabiliscono l’obbligo dell’informativa e del consenso, nonché la durata relativa alla conservazione dei dati stessi.

Come mai le agenzie di web marketing sono più esposte?

Per decidere quali sono i destinatari delle ispezioni del Garante Privacy, le aziende devono essere segnalate o sorteggiate. Dopodiché, inizia l’iter per effettuare tutti i controlli necessari.

In questo caso, la probabilità di un’azienda qualsiasi di ricevere un’ispezione è abbastanza bassa.

Come mai per le agenzie di web marketing il rischio di controlli è molto più alto?

Le agenzie di web marketing non vengono scelte apposta per i controlli. Il Garante Privacy viene a conoscenza di un’agenzia nel momento in cui fa partire un’ispezione nei confronti di un’azienda cliente della stessa.

Dato che, generalmente, sono le agenzie ad occuparsi della privacy della clientela su commissione, di riflesso il controllo si estende anche all’agenzia stessa.

È quindi soggetta ad una probabilità molto più alta di ricevere ispezioni del Garante Privacy. Infatti, la sua esposizione è pari al numero di clienti che segue.

Siamo sicuri che tu voglia evitare alla tua agenzia di web marketing di entrare all’interno della lista dei contravventori.

Per fare questo, devi conformarti alle normative sulla tutela della privacy iniziando dagli adempimenti di base che ti aiutano a superare indenne i controlli. Puoi partire dall’informativa privacy, dal registro dei trattamenti e dalla stipulazione di un’assicurazione.

Se vuoi essere certo di superare le ispezioni del Garante Privacy nonostante l’alto numero di clienti che segui, contattaci per implementare tutti gli adempimenti previsti dalla legge.